🌺 La cicatrice di mamma V non è una cicatrice della nascita ma ad essa è molto legata.

👉Operatrice Barbara Colombo


Perché l'intervento avviene poco dopo la nascita della piccola B. Quando una sutura si infetta e decidono di incidere in maniera molto profonda, tanto da interessare anche parti molto vicine allo sfintere anale.

👉 il risultato 😫è molto dolore 😫 non riesce a sedersi, 😫 sente dolore nell'evacuare 😫non parliamo dei rapporti.

Grazie ad una collega che la sta supportando in un percorso sul pavimento pelvico mamma V. inizia il percorso di trattamento della cicatrice. Mamma V vuole assolutamente essere indipendente, tornare ad essere libera e operativa senza dover usare farmaci o sentire dolore. Man mano che gli incontri proseguono Mamma V nota più elasticità, meno dolore e al terzo incontro durante il trattamento sento la cicatrice che si lascia completamente andare sotto le dita, insieme alle sue lacrime quando toccando un punto dice "Ecco è come se mi stessero ancora ricucendo". Mamma V. Non è abituata a guardare la zona perineale ma piano piano la tocchiamo e la guardiamo ed ecco le sue parole "non la trovo più". È vero la cicatrice è sparita alla fine del percorso ma quello che non sparirà mai è la sensazione di benessere e di ripresa di una vita serena e senza dolore, il suo sguardo soddisfatto del lavoro che lei stessa ha iniziato a fare e continuerà verso la luce, verso la risoluzione. 🌅 #operatricicicatricidellanascita

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti